Guardiamoci attorno

Caritas italiana Prosegue la mobilitazione nei confronti delle persone colpite dal terremoto. È stato aperto un centro di coordinamento interregionale a Larino, mentre centri di ascolto sono stati attivati nelle parrocchie. Su incarico della Cei, che ha stanziato 2 milioni di euro, la Caritas sta coordinando gli aiuti e le raccolte di fondi in ciascuna diocesi. Chi desidera partecipare può inviare il suo contributo alla Caritas italiana, viale F.Baldelli n. 41 – 00146 Roma c.c.p./n. 347013, oppure a Città nuova, specificando la causale. Invalido senza mezzi “È un invalido civile con pensione mensile di 215 euro; ha molti malanni cronici e si arrangia svolgendo piccoli lavori saltuari. Ora è a letto per la riacutizzazione di problemi circolatori, così quei piccoli servizi che gli procuravano di che sopravvivere per momento sono sospesi. Si dispera perché non sa come pagare bollette della casa”. Lettera firmata – Roma Famiglia disastrata “Siamo una famiglia numerosa con gravi problemi di salute e disoccupazione e con gli inevitabili debiti; non abbiamo neppure soldi per gli alimenti indispensabili. Siamo costretti a ricorrere alla carità di persone comprensive e generose…”. Lettera firmata – Roma Cure costose “È un caso di estremo bisogno, una persona ammalata la quale necessita di cure costose e costanti non mutuabili. Ci affidiamo alla sensibilità dei lettori per un aiuto…”. Alcuni amici – Campania Gli aiuti per gli appelli di Guardiamoci attorno possono essere inviati Città nuova – Via degli Scipioni n. 265, 00192 Roma – c.c.p. n. 34452003. Le richieste di aiuto si accettano solo se convalidate da un sacerdote.Verranno pubblicate comunque a nostra discrezione e nei limiti dello spazio disponibile

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons