La sorpresa della Chiesa come comunione

Fino al marzo 2022 responsabile a livello nazionale delle relazioni ecumeniche della Chiesa d’Inghilterra, Callan Slipper si è trovato a lavorare a stretto contatto con l’arcivescovo di Canterbury e con i colleghi di altre Chiese. «Devo dire – afferma – che un simile lavoro è straordinariamente soddisfacente per chi come me spende la vita per la causa dell’unità». Allo stesso tempo, questo compito ha suscitato in lui molte domande sulla natura della Chiesa come comunione: «Mi è sembrato che dovessimo riconsiderare radicalmente ciò che pensiamo della Chiesa». Ci racconta qui l’esperienza fatta e la riflessione che ne è scaturita.
Canterbury

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Innamorati di Dio

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons