Vi presento la signorina Giacomina, di nuovo.

È in libreria «Torna la signorina Giacomina», secondo capitolo delle avventure dell’eroina creata da Talus Taylor e Annette Tison, i genitori dei Barbapapà.

Taylor e Tison

Il giovane insegnate di matematica Talus Taylor, nato a San Francisco nel 1933 ma cresciuto a Parigi, conobbe la sua futura moglie, Annette Tison, in un bistrot di Parigi. «Mentre gli studenti parlavano di filosofia e rivoluzione – raccontò in un’intervista –, io cercavo di conquistare Annette e cominciai a fare disegni semplici sulla tovaglia. È nato così il personaggio e anche il mio matrimonio». Il personaggio di cui parla Taylor è il celebre Barbapapà, protagonista del fumetto che, a partire dagli anni Settanta, ha reso i due autori celebri nel mondo.

 

La signorina Giacomina

Sempre dalla loro matita proviene anche un altro, un po’ meno noto, personaggio, Giacomina, una simpatica signorina con le trecce che se ne va in giro con un vestito  a pois verdi e, insieme al suo cagnolino Ricotta, riesce a rendere spassose e memorabili situazioni assolutamente comuni, come una colazione a casa o una giornata dedicata alle pulizie.

 

I tesori ritrovati

Un anno fa, nella collana Nuovi Colori del Mondo, nella sezione Tesori ritrovati, che si propone di recuperare capolavori stranieri e italiani della letteratura per l’infanzia spariti dai cataloghi storici dei grandi editori, è stato pubblicato il volume «La signorina Giacomina», e proprio in questi giorni arriva in libreria «Torna la signorina Giacomina».

Ritorna la signorina Giacomina

In questo secondo capitolo della storia, Giacomina si trova ad affrontare tre situazioni quotidiane che le danno un bel po’ di filo da torcere: un terribile acquazzone, che è costretta ad affrontare per andare a comprare da mangiare per il suo cagnolino Ricotta; un improvviso black out, che la sorprende e mette in moto una serie di contrattempi spassosi; l’inaspettata gelosia di Ricotta nei confronti di un gattino, che mette in apprensione Giacomina ma che il solletico di una codina pelosa riesce a trasformare in una grande amicizia.

 

Un carattere speciale

Le vicende di Giacomina sono raccontate, in questa edizione dei Nuovi colori del mondo curata da Silvia Roncaglia, adoperando un carattere tipografico che si chiama Pinocchio, come il personaggio di Collodi, ed è molto simile a quello calligrafico insegnato nella scuola primaria oltre ad essere, come ha detto la giornalista Monica Tappa in una video recensione del libro, un «corsivo di un pulizia e di una bellezza rare da trovare».

 

Vincitori maldestri

In questa nuova pubblicazione ritroviamo tutto il mondo di Giacomina, la sua casa, il suo humor, la sua amata cagnolina Ricotta e ci riappropriamo della sicurezza che, per quanto la vita possa riservarci una buona dose di imprevisti e disavventure, possiamo sempre uscirne vincitori, anche se buffi, goffi e maldestri.

 

Simple Share Buttons