Editoria

Mai smettere di giocare: cosa trovate su Teens

Sul nuovo numero di Teens si approfondisce il tema del gioco. Una partita alla Play station o due calci a un pallone nascondono molto di più di una semplice forma d'intrattenimento: attraverso queste attività impariamo a conoscere e a rispettare gli altri, a vivere in comunità e le sfide della vita. Ma il gioco ha anche un lato oscuro: può essere uno strumento per emarginare e denigrare il prossimo.

Il “gioco” divide e unisce: dipende dall’uso che se ne fa. Sul numero di novembre e dicembre di Teens, la rivista  bimestrale scritta dai ragazzi per i ragazzi, si propongono storie e analisi su questo tema che all’apparenza può sembrare banale, ma non lo è.

Il gioco è molto di più di un Monopoli o un videogame: è un modo di relazionarci con gli altri, di apprendere nuovi valori e la capacità, perché no, di saper  perdere. Può essere usato anche per denigrare gli altri, per escluderli. Se si pensa al gioco d’azzardo, ecco che emerge subito un’accezione negativa di questa parola. Teens ha interpellato degli esperti per cercare di fare chiarezza.  Ma, come dice il giovane redattore Luigi Gagliardi, «per saperne di più leggete la nostra rivista».

Guarda anche

I più visti della settimana

Simple Share Buttons