Una cultura della sconfitta, per una nuova cultura della vittoria

Lo sport vive alimentato prima di tutto dalla sua dimensione agonistica che, nel nostro tempo, non rappresenta più solo un gioco, non solo perché muove grandi passioni, ma soprattutto perché muove miliardi. Se è vero che sconfitta e vittoria sono i due volti, le due estreme espressioni della competizione, oggi il male maggiore, il grande nemico dello sport, è l’esasperazione di questa dimensione competitiva. In questo contesto invocare una cultura della sconfitta, una riscoperta del “saper perdere” può rappresentare qualcosa di più che una sola formula provocatoria. 

 

Articolo completo disponibile in Pdf

Leggi anche

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Scopri Città Nuova di Aprile!

Come essere autentici

Altri articoli

Gocce di Vangelo 13 aprile 2021

Dopo Filippo, la fine di un’epoca?

Gocce di Vangelo 12 aprile 2021

Giordania, il re rassicura

Simple Share Buttons