A Reggello la prima fattoria gestita da disabili

La Farm, nata tra le colline del Valdarno e gestita dalla Fondazione Oda, accoglie ragazzi con disabilità intellettive gravi che grazie ad un programma riabilitativo si occupano di tutti i lavori di gestione della fattoria. Ad accompagnarli una squadra di educatori, oss e medici

È stata inaugurata lo scorso luglio la prima Community Farm voluta dalla Fondazione Oda che da anni gestisce diversi servizi a sostegno delle persone con gravi disabilità intellettive. La struttura, un grande podere tra le colline del Valdarno (più precisamente a Reggello), è stata donata da Maria Antonietta Salvucci che per il suo gesto di generosità ha ricevuto la nomina a Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal presidente della Repubblica Mattarella.

Nella fattoria, gestita dalla Fondazione Oda in collaborazione con Asl Toscana Centro, Regione Toscana e Comune di Reggello, vivono stabilmente 10 ragazzi disabili, mentre altri 15 la frequentano di giorno. A seguirli un team specializzato formato da educatori, oss e infermieri che accompagnano i ragazzi in tutti i momenti della giornata.

La community Farm è infatti un vero e proprio progetto riabilitativo, i ragazzi frequentano diversi laboratori tra cui uno di giardinaggio e uno di attività agricola per imparare a prendersi cura della terra e i suoi frutti. A questi si aggiunge il progetto di “cucina adatta”, dove gli ospiti della struttura imparano a cucinare e conoscere i prodotti coltivati e raccolti. C’è poi chi si occupa della newsletter, che diventa un modo per raccontare il proprio lavoro agli altri e imparare ad utilizzare il pc, chi della raccolta differenziata e chi dell’arredamento, il tutto ovviamente fatto in comunione così da creare anche una rete di rapporti.

La praticità è alla base dell’insegnamento della Farm, tutti i ragazzi imparano ogni giorno qualcosa, ma soprattutto imparano a prendersi cura di se stessi e degli altri. Grazie all’appoggio del territorio, inoltre, sono nati contatti anche con altre aziende locali che hanno invitato i ragazzi della Farm per la vendemmia e la raccolta delle olive. La riabilitazione passa così attraverso il rapporto con la natura e il lavoro, i ragazzi sono in prima linea nella cura e nella crescita della fattoria, vengono responsabilizzati e si inseriscono nel contesto sociale e lavorativo locale.

Leggi anche

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Scopri Città Nuova di Aprile!

Come essere autentici

Altri articoli

Dopo Filippo, la fine di un’epoca?

Gocce di Vangelo 12 aprile 2021

Giordania, il re rassicura

La magia dei grandi balletti

Simple Share Buttons