“Orienta” per i rifugiati in cerca di lavoro

Un video tutorial multilingue che aiuta i richiedenti asilo nella ricerca di un impiego in Italia. Il progetto è realizzato dalla cooperativa sociale Abantu, in collaborazione con la cooperativa sociale Lai-momo e il finanziamento della Chiesa Evangelica Valdese

Un video di 6 minuti, in 10 lingue differenti, con un linguaggio semplice e una grafica intuitiva, per aiutare i richiedenti asilo e i rifugiati che si stabiliscono in Italia (anche persone con una bassa alfabetizzazione) nella ricerca di un lavoro. Il progetto, che vuole aiutare chi arriva nel nostro Paese ad integrarsi correttamente e ricostruirsi una vita partendo anche da un lavoro, è realizzato dalla cooperativa sociale Abantu, in collaborazione con la cooperativa sociale Lai-momo e il finanziamento della Chiesa Evangelica Valdese.

maxresdefault

Protagonista di “Orienta – Strumenti di orientamento al lavoro per richiedenti asilo”, è Adam, un richiedente asilo in cerca di un posto di lavoro in Italia. Dopo 60 giorni dalla formalizzazione della richiesta infatti i rifugiati possono iniziare a lavorare nel Paese che li accoglie. Il rischio maggiore è non sapere come cercare e a chi rivolgersi, per questo in molti finiscono a lavorare in nero e senza contratto con i rischi che ne derivano, come non essere pagati o sanzioni da parte delle autorità di polizia e la conseguenza di non poter rinnovare il permesso di soggiorno.

Molte volte non è la mancanza di competenze ma non avere punti di riferimento o una guida per muoversi nel mercato del lavoro. Quali sono invece le buone pratiche da seguire? Il primo ostacolo da superare è la lingua, così i rifugiati da poco nel Paese possono seguire corsi di italiano per raggiungere un livello sufficiente per affrontare colloqui di lavoro e compilare correttamente il Curriculum Vitae da presentare. Il secondo step è il passaggio presso l’agenzia del lavoro o i centri per l’impiego, ma anche l’utilizzo di Internet può essere un buon inizio per la ricerca di un’azienda.

Il video è solo uno strumento di supporto a tutti i corsi di orientamento e formazione che vengono gestiti dal personale qualificato che accompagna ogni persona in base alle proprie necessità e ai singoli percorsi. Sulla base dei numeri e della nazionalità degli ospiti dei centri di accoglienza, con l’aiuto di interpreti e mediatori linguistico-culturali, il video è stato realizzato in altre 9 lingue, oltre all’italiano: inglesefrancesearabourdubengalesebambaramandinkafula e wolof.

Leggi anche

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Scopri Città Nuova di Aprile!

Come essere autentici

Altri articoli

Gocce di Vangelo 13 aprile 2021

Dopo Filippo, la fine di un’epoca?

Gocce di Vangelo 12 aprile 2021

Giordania, il re rassicura

Simple Share Buttons