Obiezione di coscienza e leggi ingiuste: il caso di re Baldovino di fronte alle legge belga sull’interruzione di gravidanza

La vicenda di re Baldovino del Belgio e del suo rifiuto a firmare la normativa sull’aborto approvata dal Parlamento del suo Paese, pone il problema del rapporto fra la coscienza e la legge. Vi sono delle situazioni in cui non sono più possibili mediazioni e va affermato il primato della coscienza, anche a costo di pagare un caro prezzo a livello personale. In questa direzione va la testimonianza di questo sovrano, disposto a perdere la corona pur di non scendere a compromessi con la propria coscienza.

 

Articolo completo disponibile in Pdf

Leggi anche

L'intervista
Dialogando con Annamaria Spina

Dialogando con Annamaria Spina

A cura di
In punta di penna
Un capitale infinito di pazienza

Un capitale infinito di pazienza

di
Economia è vita
La buona vulnerabilità della vita

La buona vulnerabilità della vita

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Scopri Città Nuova di Aprile!

Come essere autentici

Altri articoli

Trionfo per Traviata

Gocce di Vangelo 13 aprile 2021

Dopo Filippo, la fine di un’epoca?

Gocce di Vangelo 12 aprile 2021

Simple Share Buttons