Politica

Governo Conte 2, voto decisivo al Senato

Giornata decisiva per il governo Conte nel voto di fiducia al Senato. In Olanda cade il premier Mark Lutte

Foto Roberto Monaldo / LaPresse
18-01-2021 Roma
Politica
Camera dei Deputati - Comunicazioni del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla situazione politica
Nella foto Luigi Di Maio

Photo Roberto Monaldo / LaPresse 
18-01-2021 Rome (Italy) 
Chamber of Deputies - Communications by Prime Minister Giuseppe Conte on the political situation
In the pic Luigi Di Maio
Foto Roberto Monaldo / LaPresse
18-01-2021 Roma
Politica
Camera dei Deputati - Comunicazioni del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla situazione politica
Nella foto Giuseppe Conte

Photo Roberto Monaldo / LaPresse 
18-01-2020 Rome (Italy) 
Chamber of Deputies - Communications by Prime Minister Giuseppe Conte on the political situation
In the pic Giuseppe Conte
Foto Roberto Monaldo / LaPresse
18-01-2021 Roma
Politica
Camera dei Deputati - Comunicazioni del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla situazione politica
Nella foto Deputati dell'opposizione mostrano cartelli contro Conte

Photo Roberto Monaldo / LaPresse 
18-01-2020 Rome (Italy) 
Chamber of Deputies - Communications by Prime Minister Giuseppe Conte on the political situation
Dutch Prime Minister Mark Rutte, left, speaks with European Parliament President David Sassoli during a round table meeting at an EU summit in Brussels, Thursday, Dec. 10, 2020. European Union leaders meet for a year-end summit that will address anything from climate, sanctions against Turkey to budget and virus recovery plans. Brexit will be discussed on the sidelines. (AP Photo/Olivier Matthys, Pool)
Foto Ettore Ferrari/LaPresse/POOL Ansa 18 gennaio 2021 Roma, Italia Politica Camera dei Deputati - Comunicazioni del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla situazione politicaNella foto: il tabellone elettronico con il risultato della votazionePhoto Ettore Ferrari/LaPresse/POOL Ansa January 18, 2021 Rome (Italy) politics Chamber of Deputies - Communications by Prime Minister Giuseppe Conte on the political situationIn the pic: the electronic scoreboard with the result of the vote

È previsto per le 20.30 di martedì 19 gennaio 2021 il voto in Senato che sarà decisivo per mantenere in vita il governo Conte 2 che presenterà nella mattina il Piano nazionale di ripresa e resilienza dopo aver ottenuto lunedì 18 gennaio la maggioranza assoluta alla Camera.

In questi giorni si è prestata molta attenzione agli scontri verbali diretti tra Giuseppe Conte e il leader e fondatore di Italia Viva, Matteo Renzi, con prese di posizioni molto dure tra i partiti e nella società. La stampa internazionale si è concentrata, invece, sul merito della polemica incentrata sulle misure dello Pnrr.

Nel suo discorso alla Camera, Conte ha ribadito la scelta a favore di una legge elettorale proporzionale. Materia che dovrebbe convincere quelle forze minori che in Senato si trovano nel gruppo misto. Nel suo intervento, il presidente del Consiglio ha ribadito la fedeltà atlantica del governo e gli ottimi rapporti con Joe Biden che entrerà alla Casa Bianca il 20 gennaio, come a rispondere alle insinuazioni di una simpatia verso la passata presidenza Usa. Significativa è stata anche la citazione degli importanti rapporti avviati con la Cina.

Il voto al Senato è incerto fino alla fine. Colpisce la decisione della senatrice a vita Liliana Segre di muoversi da Milano, nonostante l’età, per assicurare il proprio sì al governo. Il tema dominante resta quello del timore del ritorno al governo di una maggioranza definita sovranista e legata al gruppo antieuropeista dei Paesi di Visegrad. Lega e Fratelli d’Italia reclamano il ritorno immediato alle urne.

Nel frattempo si è dimesso in Olanda, per restare in Europa, il premier Rutte per una vicenda legata allo scandalo per il rimborso degli assegni familiari chiesto ingiustamente a migliaia di cittadini. Mark Rutte, come è noto, è stato la punta più avanzata dei Paesi cosiddetti “virtuosi” restii alle scelte di solidarietà e condivisone adottate alla fine dall’Unione Europea con la previsione del Next Generation Ue e la definizione a livello nazionale dei Piani di ripresa e resilienza.

Foto Ap La Presse

Guarda anche

I più visti della settimana

Simple Share Buttons