Leonardo e i suoi libri

Per capire come lavorava Leonardo basta leggere i suoi manoscritti. Leonardo non era un “omo sanza lettere”. Non gli bastava l’insegnamento diretto della maestra Natura: aveva anche bisogno del dialogo con gli autori, antichi e moderni. Nel tempo, era diventato un appassionato lettore, cacciatore e collezionista di libri. E i libri, per lui, non erano solo oggetti: erano affascinanti ‘macchine’ mentali, da costruire e smontare, con i loro ingranaggi (parole, pensieri, immagini). Alla fine della sua vita, arriverà a possedere quasi duecento volumi: un numero straordinario per un ingegnere-artista del ‘400.

Per la prima volta, la mostra presso il Museo Galileo di Firenze esporrà manoscritti e incunaboli identificati con i testi utilizzati da Leonardo, affiancati da applicazioni multimediali che consentiranno di sfogliarli e confrontarli con i codici autografi.

Leonardo e i suoi libri. La biblioteca del Genio Universale
Firenze, Museo Galileo
6 giugno – 22 settembre 2019

 

Guarda anche

Arte ed estetica
Riphoto, oltre la fotografia

Riphoto, oltre la fotografia

di
Arte ed estetica
Firenze, American art

Firenze, American art

di
Arte ed estetica
Dante alla rhinoceros gallery

Dante alla rhinoceros gallery

di
Arte ed estetica
Brera, le emozioni della luce

Brera, le emozioni della luce

di

I più visti della settimana

Arte ed estetica
Brera, le emozioni della luce

Brera, le emozioni della luce

di
Arte ed estetica
Leonardo e i suoi libri

Leonardo e i suoi libri

di
Arte ed estetica
Effetto Araki

Effetto Araki

di
Arte ed estetica
Verrocchio, il maestro di Leonardo

Verrocchio, il maestro di Leonardo

di
Arte ed estetica
Eleganze dipinte

Eleganze dipinte

di
Arte ed estetica
Un’arte tutta giapponese

Un’arte tutta giapponese

di
Simple Share Buttons