LoppianoLab: è di scena la società civile

Nuove ricchezze d’Italia: dalla potenza delle migliaia di organizzazioni civili e sociali, alla capacità innovativa e inventiva del made in Italy, alla riscoperta di una diffusa coscienza politica e civica, alla forza delle numerose azioni di dialogo sociale e interreligioso. Oltre 30 laboratori, workshop, spazi di confronto, eventi.
Sessione conclusiva di Loppianolab 2014

Nuove ricchezze d’Italia: dalla potenza delle migliaia di organizzazioni civili e sociali, alla capacità innovativa e inventiva del made in Italy, alla riscoperta di una diffusa coscienza politica e civica, alla forza delle numerose azioni di dialogo sociale e interreligioso. Oltre 30 laboratori, workshop, spazi di confronto, eventi.

Se ne discuterà con gli economisti Leonardo Becchetti, Luigino Bruni, Stefano Zamagni; Sen. Giovanni Endrizzi (M5S), On. Antonio Palmieri (FI), On. Edoardo Patriarca (PD); i giornalisti Riccardo Barlaam de Il Sole24ore, Gianni Bianco, TG3 RAI, Marta Cagnola, Radio24, Giuseppina Paterniti, vicedirettore TGR RAI; Izzedin Elzir, presidente UCOII e Shahrzad Houshmand, teologa iraniana.

Non solo nuove povertà in Italia: oggi ci sono soprattutto ricchezze sconosciute. Ad affermarlo non è il risultato di un’indagine sociale, ma la storia recente di questo Paese. A fronte dei postumi di un crollo economico epocale e di una crisi di senso personale e sociale, molti e incoraggianti sono oggi i segnali di una ripresa che punta tutto sulle nostre più grandi ricchezze immateriali: la capacità degli italiani di “fare comunità” e di investire in beni relazionali.

Per questo al centrodella VII edizione diLoppianoLab – il laboratorio nazionale di economia, cultura, comunicazione e formazione promosso dal Polo Lionello Bonfanti, da Città Nuova, dall’Istituto Universitario Sophia e dalla cittadella di Loppiano (FI) – ci sarà il paradosso dellaricchezza che sgorga dalle povertà fin troppo note del nostro Paese, con l’obiettivo di proporre concrete piste di azione e riflessione. E lo fa dando voce a quanti – cittadini, associazioni, imprenditori – in tutto il territorio nazionale si spendono quotidianamente per rispondere alle necessità materiali e non della società, mettendo così in evidenza la straordinaria capacità di rinascita delle nostre società.

Dieci tavole rotonde, altrettanti laboratori, e numerosi eventi andranno a comporre il mosaico dell’edizione 2016 che ospiterà numerose associazioni, organizzazioni e progetti, come  RomAmor onlus, impegnata nella Capitale a servizio dei senza fissa dimora, gli anziani, gli immigrati, i disabili, i nomadi, gli ex detenuti; AMU, ong attiva dal 1986 con progetti di cooperazione allo sviluppo e per attività di formazione ed educazione nel mondo; Fo.Co., Formazione Comunione di Chiaramonte Gulfi (Rg), cooperativa a servizio dell’integrazione di immigrati e minori stranieri non accompagnati; “Associazione Vecchie e Nuove Povertà” di Empoli per dare aiuto alle famiglie ed ai singoli in difficoltà economica; ABC Sardegna, associazione impegnata a tutela dei diritti dei bambini cerebrolesi; AND-Azzardo e nuove povertà, Slotmob Economia e felicità e Senzaslot impegnati da anni contro la dipendenza dal gioco d’azzardo e tante altre.

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons