«Lien de poésie et d’amour entre des âmes humaines et l’univers»: La città come μεταξύ nel pensiero di Simone Weil

 

 

Per visualizzare l’articolo scaricare pdf del fascicolo n. 1/2022

In Simone Weil’s philosophy, the “city” appears as a physical and ontological place from where every human being achieves his full development, both corporal-spiritual and individual-relational. And this not only horizontally, but also – and above all – vertically. The city thus represents a privileged “entre-deux”, as well as a necessary and indispensable one, so that every man, individually and together with others, can take deep root in his one and true homeland, situated "dans l’autre côte du ciel”.

Nella filosofia di Simone Weil, la “città” appare come un luogo fisico e ontologico vitale, da dove ogni essere umano raggiunge il suo pieno sviluppo, tanto corporale-spirituale quanto individuale-relazionale. E questo non solo orizzontalmente, ma anche – e soprattutto – verticalmente. La città rappresenta così un entre-deux privilegiato, oltre che necessario e indispensabile, perché ogni uomo, singolarmente e insieme agli altri, possa mettere delle radici profonde nella sua unica e vera patria, situata dans l’autre côte du ciel.

I più letti della settimana

Mattarella premia Paolo Siniscalco

L’amore mantiene giovani

Simple Share Buttons