Libri

L’ancora della fede

Copertina L’ancora della fede
Collana
Testi patristici
Anno
1977
Isbn
9788831130097
Pagine
264 -
Argomento
Patristica

Epifanio di Salamina, nato verso il 315 presso Eleuteropoli in Palestina, fu vescovo e paladino del credo niceno contro l’arianesimo. Morì durante Il viaggio di ritorno dal Sinodo della Quercia (403). Il trattato «Ancoratus» («L’Ancora della fede») è, col «Panarion», tra le sue opere più famose. In essa vengono esposti i misteri principali della fede: unità e trinità di Dio, incarnazione, passione, morte e risurrezione di Cristo. Spiegando il titolo, Epifanio stesso afferma di aver voluto «consolidare, e quasi ormeggiare ad àncora sicura, i cristiani sbattuti dalle bufere dell’errore». La struttura del trattato è quella di una lettera indirizzata alla comunità di Suedri in Pamfilia turbata dall’eresia nascente degli pneumatomachi, coloro cioè che «combattono lo Spirito Santo». Straordinaria è la lucidità con cui Epifanio definisce la retta dottrina a tale proposito, non sostenendo una sua particolare opinione, ma fondando quella sulla fede dei Profeti e degli Apostoli, della Chiesa e dei Padri. Forse nessun orientale ebbe tanta chiarezza. La pneumatologia dell’ «Ancoratus» fu perciò argomento fondamentale per la soluzione della questione del «filioque» che divise la Chiesa d’Oriente da quella d’Occidente, da Carlo Magno a Fozio e al Concilio di Firenze. La pastorale che emerge da questa epistola-trattato, dove raramente la polemica si trasforma in invettiva, appare dettata da un cuore pieno di carità. Epifanio vi appare soprattutto quale zelante pastore d’anime e maestro di spiritualità. Pochi scrittori cristiani antichi, anzi rivelano tale radicazione nella fede aliena da personali interessi e avversa a mitizzazioni filosofiche. Per tutto ciò risulta estremamente fruttuosa la lettura di quest’opera, ora per la prima volta in traduzione italiana a cura del Prof. Calogero Riggi.

Euro 22,10 26,00

Nella stessa collana (262)

Articoli correlati

Simple Share Buttons