Il potere della finanza. Non si esce dalla crisi rimanendo nel sistema

Luca Collodi intervista, per Radio Vaticana, i prof. Antonio Maria Baggio (IU Sophia - Loppiano, Firenze) e Giuseppe Argiolas (Università di Cagliari)
RealAudioMP3
Il neoliberismo finanziario ed economico ha fallito? Sì, secondo il prof. Giuseppe Argiolas, docente di "Responsabilità Sociale delle Organizzazioni" all’Università di Cagliari. Davanti alla crisi dei nostri giorni c’è bisogno di ripartire guardando all’economia civile che non contrappone lo Stato al mercato ma guarda alla Dottrina Sociale della Chiesa. Papa Francesco sottolinea come l’uomo sia considerato un bene di consumo che si usa e poi si getta. Serve "una riforma finanziaria che sia etica e che produca a sua volta una riforma economica salutare per tutti". "Questa tuttavia, sottolinea il Papa, richiederebbe un coraggioso cambiamento di atteggiamento dei dirigenti politici". Per il prof. Antonio Maria Baggio, politologo, docente di Filosofia Politica all’Istututo universitario ‘Sophia’ di Loppiano (Fi), "l’etica deve entrare in ogni azione umana per riscoprire il bene comune che è un bene di relazione". Per questo "serve una rifondazione della politica che favorisca scambi tra gli uomini. Ma non si esce dalla crisi, sottolinea il prof. Baggio, rimanendo nel sistema. Serve un cambiamento radicale e Papa Francesco ci sta introducendo all’epoca in cui questa ‘rivoluzione’ deve essere fatta". E’ tempo quindi di economia civile con la nascita di una scuola dedicata, spiega Sergio Gatti, direttore della Federazione italiana delle Banche di Credito Cooperativo, la ‘Sec, Scuola di Economia Civile con sede ad Incisa Valdarno (Firenze), che preparerà manager, ricercatori e studenti ad un nuovo modo di agire nel mercato, nel rispetto dell’uomo. (a cura di Luca Collodi)

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons