Gesti concreti per le vittime della mafia

Da Cassano allo Ionio un concorso da centralinista riservato ai parenti delle vittime, per testimoniare che fare antimafia con i fatti si può. Il ricordo dell’uccisione di Fazio Cirolla

Fazio Cirolla, vittima innocente della violenza della ‘ndrangheta, era un generoso lavoratore e un padre che viveva con serenità e dignità insieme a sua moglie e ai suoi quattro figli. Nel pomeriggio del 27 luglio 2009 in un autosalone a Sibari, in Calabria, è stato ucciso per uno scambio di persona, davanti a suo figlio di appena 7 anni.

La morte violenta è stato motivo di disorientamento per tutta la comunità di appartenenza. Le manifestazioni organizzate ogni anno da parte di istituzioni e persone testimoniano la viva richiesta di giustizia di fronte a un delitto che ancora oggi a distanza di quasi 12 anni rimane impunito.

L’amministrazione di Cassano all’Ionio ha deciso di riservare il concorso a tempo indeterminato da centralinista al Comune alle vittime di mafia, così come consente la legge. Il concorso è stato superato da Angelo figlio di Fazio Cirolla. Ciò per il primo cittadino di Cassano all’Ionio, Giovanni Papasso, è «un chiaro segnale nei confronti delle vittime innocenti di mafia; questa assunzione è una scelta di campo. Stare con le vittime della mafia, con Cirolla e contro la delinquenza organizzata. È testimoniare di fare antimafia con i fatti e non soltanto con le parole».

Nei giorni scorsi Angelo ha ricevuto dal sindaco, in una cerimonia al palazzo comunale, le chiavi del suo ufficio. È stato un momento molto emozionante che il giovane ha vissuto insieme a tutta la sua famiglia. Il nuovo addetto al centralino del Palazzo di città ha iniziato il suo nuovo lavoro dallo scorso 1° giugno.

Per Rosa Cesarini, mamma di Angelo nonché moglie di Fazio Cirolla è sempre vivo quel dolore causato dalla morte violenta del marito e i momenti di tristezza sono stati vissuti nel nascondimento dai figli perché davanti a loro lei doveva dimostrare di essere forte per così incoraggiarli a superare quelle grandi difficoltà dovute alla morte improvvisa del capofamiglia. Oggi il dolore per mamma Rosa si trasforma in gioia poiché il figlio Angelo con questo lavoro è stato in parte risarcito dalla comunità.

Nel volto e nelle parole di ringraziamento Angelo Cirolla si scorgeva commozione mista con la nostalgia verso suo papà che troppo presto gli è stato brutalmente strappato; nel suo cuore sono conservati i ricordi del genitore ma anche le sofferenze che la famiglia ha sopportato come quelle di suo fratello minore, che è stato testimone diretto del crudele assassinio del padre. Angelo ricorda quando il fratello, dopo il trauma «era a pezzi e non riusciva a parlare». Questi fatti testimoniano quanto la mafia distrugge l’esistenza di coloro con cui, anche per sbaglio, viene a contatto.

Sono ancora vive le parole di papa Francesco durante la messa nella spianata dell’area ex Insud di Sibari di sette anni orsono. Il Pontefice quando venne a Cassano all’Jonio il 21 giugno 2014 usò parole forti contro la ‘ndrangheta: «la vostra terra, tanto bella, conosce i segni e le conseguenze di questo peccato. La ’ndrangheta è questo: adorazione del male e disprezzo del bene comune. Questo male va combattuto, va allontanato! Bisogna dirgli di no! […] Coloro che nella loro vita seguono questa strada di male, come sono i mafiosi, non sono in comunione con Dio: sono scomunicati!».

Si comincia a raccogliere qualche sporadico frutto da quella storica visita del Pontefice, ancora il lavoro sulle coscienze è agli inizi.

I più letti della settimana

Il riposo secondo Francesco

No vax, no tax, no fax, no sax…

Domande sui fatti di Voghera

No vax, no tax, no fax, no sax…

C’è un modo per separarsi bene?

Simple Share Buttons