Nel Lazio raddoppiate le donazioni di latte materno

Gara di solidarietà tra le mamme di Roma e del Lazio per i piccoli pazienti del Bambino Gesù: nell’anno appena concluso, 133 neomamme hanno donato complessivamente 758 litri di latte. Dati più che doppi rispetto al 2018, anno in cui la Banca del latte umano donato (BLUD) dell’ospedale, l’unica nel Lazio, ha raccolto, pastorizzato e distribuito ai bambini malati 362 litri del prezioso alimento ricevuto da 43 nutrici.

La maggior parte del latte materno raccolto nel 2019 è stata messa a disposizione di 229 neonati con particolari esigenze terapeutiche; circa 200 litri (25% del totale) sono stati invece consegnati ad altre terapie intensive neonatali della Regione Lazio.

Grazie alla nuova auto per la raccolta di latte materno a domicilio donata dalla Centrale del Latte di Roma, nel 2019 il servizio della Banca del latte materno è stato potenziato ed è stato possibile allargare il raggio di raccolta dall’area di Roma all’intera Regione Lazio, raggiungendo anche le donatrici più lontane (30 contro le 5 del 2018).

«Possono donare tutte le madri in buona salute, che seguono un corretto stile di vita e hanno una quantità di latte superiore alle esigenze del proprio figlio dalle prime settimane di vita fino ad un anno di età» spiega Guglielmo Salvatori responsabile di Educazione nutrizionale neonatale e BLUD. «Donare il latte è un gesto prezioso per tanti bambini malati. Non costa nulla, non è doloroso ed è molto semplice».

Il latte materno è un vero e proprio alimento salvavita destinato, in particolare, ai neonati pretermine o sottoposti a interventi chirurgici all’addome, ad alcuni cardiopatici, ai nefropatici o ai piccoli pazienti con gravi allergie alimentari. Il servizio di raccolta del latte a domicilio del Bambino Gesù è attivo tutte le mattine, dal lunedì al venerdì. Per informazioni, anche su come diventare donatrici, è disponibile il numero 06 6859 2948 oppure l’email bancadellatte@opbg.net.

 

Una mamma che allatta
allattamento
Una mano di un neonato stringe quella di un adulto
Neonati al nido in ospedale
Simple Share Buttons