fbpx

Leonardo e i suoi libri

Per capire come lavorava Leonardo basta leggere i suoi manoscritti. Leonardo non era un “omo sanza lettere”. Non gli bastava l’insegnamento diretto della maestra Natura: aveva anche bisogno del dialogo con gli autori, antichi e moderni. Nel tempo, era diventato un appassionato lettore, cacciatore e collezionista di libri. E i libri, per lui, non erano solo oggetti: erano affascinanti ‘macchine’ mentali, da costruire e smontare, con i loro ingranaggi (parole, pensieri, immagini). Alla fine della sua vita, arriverà a possedere quasi duecento volumi: un numero straordinario per un ingegnere-artista del ‘400.

Per la prima volta, la mostra presso il Museo Galileo di Firenze esporrà manoscritti e incunaboli identificati con i testi utilizzati da Leonardo, affiancati da applicazioni multimediali che consentiranno di sfogliarli e confrontarli con i codici autografi.

Leonardo e i suoi libri. La biblioteca del Genio Universale
Firenze, Museo Galileo
6 giugno – 22 settembre 2019

 

Simple Share Buttons