Vaccini, lo scontro continua

«E anche il #Meningococco è fatto! Bravissima la mia ragazza sempre sorridente!», sono bastate poche parole di un padre compiaciuto, postate su Facebook, a scatenare nella rete vere e proprie ondate di proteste. La prima, con insulti di tutti i tipi, era diretta allo – immaginiamo – strabiliato genitore, il campione di pallavolo Ivan Zaytsev, “reo”, secondo i no-vax, di aver osato vaccinare la bambina. La seconda levata di scudi che si è consumata sulla rete, ugualmente non priva di improperi, è stata invece diretta a difendere lo sportivo e la sua famiglia. La questione vaccini, scoppiata con forza l’anno scorso con il decreto Lorenzin che portava a 10 i sieri obbligatori, continua dunque a far discutere. E di vaccini si occuperà anche il governo. Per il prossimo anno scolastico, infatti, non dovrebbe più servire il certificato dell’Asl, ma basterà un’autocertificazione.

Un bambino fa il vaccino
Una bambina prima della vaccinazione
Salute
Simple Share Buttons