Fusione Wind Tre: lavoro e famiglie in pericolo

Sono 900 i posti di lavoro dei call center che rischiano di scomparire con la fusione tra le due società telefoniche. Le immagini dell’Ansa arrivano dalla manifestazione delle famiglie coinvolte a Genova ma l’esternalizzazione interessa anche le sedi di  Cagliari, Palermo e Roma.

L’ennesimo tavolo di crisi verrà discusso al Ministero dello Sviluppo economico il 15 giugno, ma tutto il mondo dei servizi telefonici obbliga a porre il problema della gestione delle ristrutturazoni aziendali e il loro costo in termini di vita delle persone coinvolte.

Un momento della manifestazione degli operatori del call center della Wind Tre di Genova, dopo che la nuova azienda nata dalla fusione dei due operatori telefonici ha dichiarato di voler esternalizzare i call center, 14 giugno 2017 a Genova. 
ANSA/LUCA ZENNARO
Un momento della manifestazione degli operatori del call center della Wind Tre di Genova, dopo che la nuova azienda nata dalla fusione dei due operatori telefonici ha dichiarato di voler esternalizzare i call center, 14 giugno 2017 a Genova. 
ANSA/LUCA ZENNARO
Un momento della manifestazione degli operatori del call center della Wind Tre di Genova, dopo che la nuova azienda nata dalla fusione dei due operatori telefonici ha dichiarato di voler esternalizzare i call center, 14 giugno 2017 a Genova. 
ANSA/LUCA ZENNARO
Un momento della manifestazione degli operatori del call center della Wind Tre di Genova, dopo che la nuova azienda nata dalla fusione dei due operatori telefonici ha dichiarato di voler esternalizzare i call center, 14 giugno 2017 a Genova. 
ANSA/LUCA ZENNARO
Un momento della manifestazione degli operatori del call center della Wind Tre di Genova, dopo che la nuova azienda nata dalla fusione dei due operatori telefonici ha dichiarato di voler esternalizzare i call center, 14 giugno 2017 a Genova. 
ANSA/LUCA ZENNARO
Un momento della manifestazione degli operatori del call center della Wind Tre di Genova, dopo che la nuova azienda nata dalla fusione dei due operatori telefonici ha dichiarato di voler esternalizzare i call center, 14 giugno 2017 a Genova. 
ANSA/LUCA ZENNARO
Simple Share Buttons