L'esperto risponde / Famiglia

Adriano Pischetola

Laureato in Giurisprudenza presso l’Università di Napoli, sua città natìa, risiede a Perugia, ove svolge l’attività di notaio. È componente della Commissione Studi (Tributari) del Consiglio nazionale del notariato (Roma),  è stato ed è tuttora relatore in molti convegni professionali e ha al suo attivo numerose pubblicazioni professionali. Altre informazioni al riguardo sul suo sito www.adrianopischetola.it

 

 

 

Vedi tutti gli esperti
Fisco

Con 1200 euro al mese ho diritto al bonus asilo?

Ho sentito alla radio che c’è un bonus per le famiglie che hanno bimbi al di sotto di due anni e poi per spese detraibili sostenute per la frequenza di scuole dell’infanzia e del primo ciclo della scuola primaria. Quindi ad esempio per scuole materne private si riceve questo bonus o dipende dal reddito delle famiglie ed occorre avere un reddito annuo molto basso? Anna

 

bimbo

Con riferimento ai nati a decorrere dal primo gennaio 2016, la legge di Bilancio per il 2017 (n. 232 /2016) prevede un aiuto per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati, nonché per l’introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione in favore dei bambini al di sotto dei tre anni affetti da gravi patologie croniche.

Questo aiuto consiste, a partire dal corrente anno 2017, in un buono di 1.000 euro su base annua (parametrato a undici mensilità). Il buono è corrisposto dall’Inps al genitore richiedente, previa presentazione di idonea documentazione attestante l’iscrizione e il pagamento della retta a strutture pubbliche o private.

È prevista al riguardo l’emanazione di un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge (avvenuta il primo gennaio 2017) per stabilire le disposizioni necessarie per l’attuazione di questo beneficio, ma già dalla lettura del testo di legge si capisce che non esiste un limite di reddito (né del richiedente né della famiglia di cui fa parte) al di sopra del quale il beneficio non spetti.

Da notare che detto beneficio non è cumulabile con altri. Quindi devo scegliere: o prendo il bonus bebé, oppure chiedo nel 730 la detrazione (nella misura del 19%) delle spese sostenute per la frequenza di scuole (dell’infanzia, del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di secondo grado), oppure uso il beneficio della corresponsione di voucher per l’acquisto di servizi di baby-sitting, ovvero per fare fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l’infanzia o dei servizi privati accreditati, da richiedere al datore di lavoro (ai sensi della legge n.92/2012 art. 24).

5Risposte
Visualizzazioni
Edilizia

Come posso sanare le irregolarità edilizie?

Leggi la risposta

Salve, avrei un quesito da sottoporle: io, insieme ai miei 3 fratelli, abbiamo ereditato una palazzina di 5 appartamenti dai nostri genitori dopo la morte di nostro padre. La casa è stata costruita nel 1963, poi ha subito alcuni ampliamenti nel 1972, nel 1992 e nel 2003, tutti con regolare concessione edilizia, ma in corso d'opera ogni volta venivano fatte delle variazioni rispetto al disegno originale che a fine lavori non venivano regolarizzate. Nella richiesta successiva di ampliamento il disegno presentato al comune rappresentava il reale stato delle cose. Ora, su nostra richiesta di avere l'abitabilità di 4 appartamenti, l'ufficio tecnico è andato a verificare tutti i disegni delle varie concessioni (cosa mai fatta in precedenza) e ha evidenziato tutte le problematiche del caso: 1) nel 1963 la casa è stata costruita un po' più grande. 2) un appartamento costruito al piano terra è alto m 2,60 invece di m 2,70. 3) è stato realizzato un appartamento invece di un negozio. 4) la scala interna per il sottotetto invece di una botola. 5) una porzione di fabbricato ha una distanza dai confini inferiore ai 3 metri (dovuto a una erronea misurazione iniziale del lotto). Ora tra oneri vari e richieste di adeguamenti del comune (vogliono che nell'appartamento alto m 2.60 venga tolto il pavimento e scavato per portarlo a m 2,70) abbiamo preventivato circa € 60.000,00 di spesa, cifra che per alcuni di noi è molto difficile da reperire. Da notare che al catasto è tutto regolare e che gli appartamenti hanno sempre pagato l'imu regolarmente, alcuni sono stati affittati per lunghi periodi sempre con contratti regolari. Abbiamo qualche chance? Possiamo dire al comune che non ha mai fatto controlli prima d'ora? Grazie per l'attenzione. Giorgio Masini (Via di Mezzo 130 - Villa Verucchio-R)   condominio


Gentile sig.Masini, in riscontro alla Sua domanda corre obbligo di precisare che purtroppo le irregolarità edilizie rilevate nella palazzina da Lei descritte non sono 'superabili' se non attraverso regolari procedure di sanatoria. La circostanza che nei documenti grafici catastali (cosiddette 'planimetrie') l'immobile risulti correttamente raffigurato, non esclude la irregolarità rilevata dai tecnici del Comune; ragione per cui appare legittima la loro richiesta di regolarizzazione, anche al fine di ottenere la certificazione (o rendere la auto-dichiarazione sostitutiva da parte dei soggetti a ciò legittimati) di agibilità. Anche l'assolvimento dell'imposta IMU non attenua la irregolarità edilizia e non ha valenza sostitutiva o surrogatoria delle procedure di sanatoria prevista dalla legge. Adriano Pischetola
Fisco

Vorrei affittare. Come faccio?

Leggi la risposta

Vorrei affittare un mio appartamento. Quali sono i passi da fare (e i moduli da usare) per affittarlo per un mese o per un anno? E se invece voglio affittare solo una camera a degli studenti, quali adempimenti devo fare? (Cristina)   casa


Innanzitutto va precisato che tutti i contratti di locazione e affitto di beni immobili devono essere obbligatoriamente registrati dall’affittuario (conduttore) o dal proprietario (locatore) qualunque sia l’ammontare del canone pattuito (e ciò entro 30 giorni dalla data di stipula o dalla decorrenza della locazione se anteriore). L’unico caso in cui non c’è l’obbligo di registrazione (se non 'in caso d'uso', cioé procedimenti di tutela minori, separazione, divorzio ecc.) è relativo ai contratti che non superano i 30 giorni complessivi nell’anno. Per provvedere alla registrazione (e provvedere al conseguente versamento dell'imposta) si può ricorrere ad una delle seguenti modalità:
  • utilizzare i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate ( modalità obbligatoria per gli agenti immobiliari e i possessori di almeno 10 immobili, facoltativa per tutti gli altri contribuenti, purché abilitati ai servizi telematici.) compilando il modello "RLI". Il modello può essere presentato in via telematica da colui che sottoscrive la richiesta, direttamente (in tal caso deve essere in possesso del codice Pin per l’accesso ai servizi telematici) oppure tramite un intermediario abilitato (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.); il modello è reso disponibile gratuitamente dall'Agenzia in formato elettronico sul sito internet agenziaentrate.gov.it;
  • richiedere la registrazione in un ufficio dell’Agenzia delle Entrate (in questo caso è necessario recarsi presso un ufficio dell’Agenzia per presentare il modello "RLI").
Da ricordare: i nuovi contratti di locazione devono contenere una clausola con la quale il conduttore dichiara di aver ricevuto le informazioni e la documentazione, comprensiva dell’attestato, su l’attestazione della prestazione energetica dell'edificio (APE). La copia dell'APE deve essere, inoltre, allegata al contratto, fatta eccezione per i casi di locazione di singole unità immobiliari. Le locazioni di immobili ad uso abitativo possono essere di vario tipo, e cioè
  • a canone libero, durata 4 anni + 4;
  • a canone concordato, durata 3 anni + 2
  • di natura transitoria, durata massima 18 mesi
  • di natura transitoria per studenti universitari;
  • di durata non superiore a 30 giorni, soggetti a registrazione in caso d’uso.
È possibile avvalersi altresì anche della facoltà di tassazione agevolata facendo opzione per la cosiddetta 'cedolare secca'. Il legislatore ha consentito di applicare la cedolare secca anche ai contratti di locazione per i quali non sussiste l’obbligo di registrazione (art. 3, comma 2 D.Lgs. n. 23/2011, locazioni turistiche, ad esempio) ed al riguardo il locatore deve comunicare la sua intenzione di applicare la cedolare secca all’Agenzia delle Entrate direttamente in sede di dichiarazione dei redditi (salvo il caso in cui il locatore, pur non essendo obbligato, provveda alla registrazione del contratto). E analogamente dicasi anche per le locazioni 'brevi', di durata non superiore ai 30 giorni (come ha disposto la recente 'Manovrina' emanata dal Governo con d,l, n.50/2017, con effetto a partire dal 1° giugno 2017). Inoltre quanto detto prima vale anche per le locazioni di porzioni immobiliari a favore di studenti universitari, di durata da sei mesi a tre anni; in tal caso è possibile precisare nell'ambito del contratto quale sia la porzione locata, e altresì che il conduttore avrà l’uso condiviso di servizi e spazi comuni, che il locatore si riserva la residua porzione con facoltà di locarla e che il canone è stato imputato in proporzione alla superficie locata. I moduli per l’affitto di una stanza sono gli stessi degli altri tipi di affitto, si deve solo precisare che oggeto di locazione è una porzione dell’immobile (meglio allegare al contratto una piantina della porzione affittata).  
I nostri soldi

Sono anziano e ho bisogno di un prestito…

Leggi la risposta

Ho 68 anni, e sono in pensione da un paio di anni. Insieme con mia moglie, 64enne, che è stata sempre casalinga e percepisce la relativa pensione, avremmo pensato di eseguire dei lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria della nostra modesta abitazione, che con il tempo si sono resi veramente urgenti. Ma avremmo bisogno di un finanziamento bancario e, allo stato, con le nostre pensioni non saremmo in grado di rimborsarlo. Abbiamo saputo, però, che esiste una formula che ci permette di ottenerlo senza rimborsarlo da subito: il rimborso cioè sarebbe effettuato dai nostri figli (che, interpellati, si sono dichiarati disposti a farlo per aiutarci) dopo la nostra morte. È vero? Alberto C. - Padova   anziani


La risposta è affermativa, gentile Alberto. La possibilità esiste ed è stata introdotta di recente (con legge n.44/2015). Le banche possono concedere infatti a persone fisiche, almeno sessantenni, finanziamenti a medio e lungo termine (e cioè che abbiano una durata di almeno 18 mesi e un giorno), garantiti da ipoteca su immobili residenziali, il cui rimborso integrale in unica soluzione può essere richiesto al momento della morte del soggetto finanziato. Ovviamente se il finanziamento è cointestato ad entrambi i coniugi, l'obbligo di rimborso (che graverà a carico degli eredi) scatta al momento della morte del soggetto finanziato che è sopravvissuto all'altro. Attenzione, perché la Banca finanziatrice potrebbe richiedere l'immediato rimborso (senza attendere l'evento morte dei soggetti finanziati) qualora gli immobili offerti in ipoteca (e quindi in garanzia) siano trasferiti, anche solo in parte, a terzi acquirenti o magari tali immobili vengano gravati da diritti costituti a favore di altri soggetti o risulti che si sia verificata una significativa riduzione del loro valore. Inoltre se non si provvede al rimborso integrale della somma finanziata entro 12 mesi dal verificarsi degli eventi sopra detti (decesso dei soggetti finanziati, trasferimento a terzi degli immobili garantiti, loro significativa riduzione di valore ecc.), la Banca potrebbe vendere gli immobili dati in garanzia (ad un valore stabilito da un perito) e utilizzare le somme ricavate dalla vendita per estinguere il credito vantato in dipendenza del finanziamento stesso. In alternativa, in caso di mancata vendita nei successivi dodici mesi, la vendita può essere effettuata dall'erede stesso. Resta inteso che le eventuali somme rimanenti, ricavate dalla vendita e non portate a estinzione del predetto credito, sono riversate al soggetto finanziato o ai suoi eredi. In ogni caso quanto ricavato dalla vendita estingue tutto il debito residuo anche se, per ipotesi, questo risulti di importo superiore al prezzo ricavato dalla vendita. Da notare però che qualche Banca, nel pubblicizzare questa forma di finanziamento, ha precisato che lo concederà solo se vengano versate da subito dai soggetti finanziati almeno delle rate di interessi e spese (consentendo che solo il capitale finanziato venga rimborsato al verificarsi degli eventi sopra detti), e ha stabilito un'età minima e massima tra 65 e 85 anni. Il che (si intuisce bene) finisce con il rendere effettivamente l'operazione meno appetibile per i possibili soggetti finanziati.    
Buone notizie per le famiglie

Quali sgravi per le famiglie nel 2017?

Leggi la risposta

Una famiglia Salve, vorrei sapere se ci sono norme a favore delle famiglie nel bilancio dello Stato 2017. Grazie. Silvia B.


L'anno 2017 si apre all'insegna di alcune disposizioni recanti possibilità (o proroga) di detrazioni fiscali per opere di ristrutturazione edilizia, energetiche ed antisismiche, esenzioni ed agevolazioni per famiglie con disabili gravi, 'premi' per la nascita e l'adozione di minori e altri sussidi per la famiglia. Qualche tempo fa avevamo tentato di tracciare un profilo, ancora approssimativo, solo di alcune novità e disposizioni contenute in quello che al momento era ancora un 'disegno di legge sul Bilancio 2017', per coglierne speranze ed aspettative. Adesso quel disegno è diventato  legge approvata dal Parlamento (n.232/2016 su G.U. n.297 del 22.12.2016). Dal primo gennaio del corrente anno sono poi entrate in vigore altre norme di indubbio interesse per i nuclei familiari con soggetti disabili. La famiglia come ne esce? Ci sono novità apprezzabili? Magari anche con riferimento alla 'casa', bene prezioso per ogni nucleo familiare? Cerchiamo di spulciare nei provvedimenti ormai in vigore quelle disposizioni che, ad una prima lettura, possano sembrare di maggiore interesse in questa prospettiva. - Innanzitutto viene prorogato per l'ennesima volta il termine (fino al 31 dicembre 2017) per fruire del beneficio della detrazione dall'Irpef del 50%  delle spese sostenute per il recupero edilizio degli immobili residenziali. Ricordiamo che la detrazione si applica su una spesa massima di 96mila euro per unità immobiliare, anche per lavori di manutenzione almeno straordinaria e che quella ordinaria è agevolata solo per le parti comuni condominiali; così come fino allo stesso termine resta confermata la detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici almeno in classe A+ (A per i forni), destinati ad arredare una casa oggetto di ristrutturazione. In tal caso la detrazione si calcola su una spesa massima di 10mila euro, e non è legata ai costi per gli interventi di ristrutturazione. È ammessa anche la detrazione (fino al 70% o anche 75% in casi particolari) per opere di riqualificazione energetica di parti comuni condominiali realizzate dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021; anzi in tal caso, in luogo della detrazione, è possibile 'cedere' il credito d'imposta agli stessi fornitori degli interventi o anche a terzi, con modalità da definirsi con successivo provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate. Altre detrazioni poi sono previste per lavori antisismici su prime e seconde case e su edifici per le attività produttive situati in zone di rischio sismico. -  Sono poi entrate in vigore dal 1° gennaio 2017 le agevolazioni fiscali previste dalla legge sul «Dopo di noi» a favore dei disabili gravi. Tra le altre, è prevista l’esenzione dall’imposta su successioni e donazioni per i beni e i diritti conferiti in trust o con vincolo di destinazione o destinati a fondi speciali istituiti a favore delle persone con disabilità grave. L’esenzione dall’imposta sulle successioni (insieme con l’applicazione in misura fissa delle imposte di registro e ipocatastali) è prevista anche per il trasferimento di questi beni se il beneficiario muore prima di coloro che avevano costituito il trust o gli altri strumenti di attribuzione dei beni e diritti  (legge n.112/2016 art. 6) - Viene disposto un innalzamento delle spese detraibili (nella misura del 19% delle spese stesse) sostenute per la frequenza di scuole dell'infanzia, del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di secondo grado per un importo annuo non superiore a 564 euro per l'anno 2016, a 717 euro per l'anno 2017, a 786 euro per l'anno 2018 e a 800 euro a decorrere dall'anno 2019 per alunno o studente  (il 'vecchio' limite era di euro 400). - E' stabilito che possa attribuirsi  un assegno di 800 euro (su cui non si scontano tasse e considerato un 'premio alla nascita o all'adozione di un minore' verificatisi nel 2017)  erogato dall’Inps  in unica soluzione su richiesta della futura madre (al compimento del settimo mese di gravidanza) o dell'adottante al momento dell'adozione. - Con riferimento ai nati a decorrere dal 1º gennaio  2016,  per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati, nonché per l'introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione in favore dei bambini al di sotto dei tre anni, affetti da gravi patologie croniche, è prevista l'attribuzione, a partire dall'anno 2017, di un buono di 1.000 euro su base annua e parametrato a undici mensilità. Il buono è corrisposto dall'Inps al genitore richiedente, previa presentazione di idonea documentazione attestante l'iscrizione e il pagamento della retta a strutture pubbliche o private. - Infine viene prevista una proroga dei voucher per l'acquisto di servizi di baby-sitting, ovvero per fare fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l'infanzia o dei servizi privati accreditati (600 euro mensili), in alternativa al congedo parentale: previsione che era già in scadenza al 31 dicembre 2016.
Pagina 1 di 1
Simple Share Buttons