Inizia il forum Compraverde Buygreen

Al via la XIV edizione, nei giorni 8-9 ottobre 2020 a Roma: un’occasione per discutere sull’utilizzo delle risorse europee del Green New Deal europeo e avviare l’Italia verso un futuro più sostenibile.
Un'immagine del Forum Compraverde Buygreen 2019

Il forum Compraverde Buygreen si svolgerà nelle giornate dell’8 e 9 ottobre. Un’occasione di incontro e confronto tra pubblico e privato, la più importante manifestazione dedicata a politiche, progetti e azioni di Green Procurement.

Due giornate di Stati Generali degli Acquisti Verdi per discutere le novità legislative, le best practice nazionali e internazionali, le opportunità in materia di acquisti verdi con convegni, workshop, sessioni formative, scambi one to one e altre iniziative partecipate.

Il forum – promosso dalla Fondazione Ecosistemi con il patrocinio e la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e della Regione Lazio – si svolgerà al palazzo WeGil a Roma e sulla piattaforma digital, dove si potranno seguire i vari convegni e seminari che si susseguiranno nei due giorni.

Mentre il Paese è alle prese con l’aumento dei contagi Covid e con la programmazione economica per accedere al Recovery Fund, l’evento pone al centro del programma il tema delle risorse europee. «Abbiamo adesso una enorme opportunità e responsabilità – ha dichiarato il Ministro dell’ambiente e della tutela, del territorio e del mare, Sergio Costa, che sarà ospite al Convegno di apertura insieme al Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti –, quella di traghettare l’Italia verso una ripresa economica più sostenibile e inclusiva, alimentando con i fondi a disposizione dal Green New Deal».

Parliamo di almeno 200 miliardi di emissioni verdi per i prossimi tre anni, decisivi per trasformare l’Europa in un punto di riferimento per questo nuovo segmento dell’economia. Ogni attore economico e sociale è chiamato quindi a mettere in campo le idee più sostenibili per il futuro del nostro Paese e dell’Europa. Questa manifestazione sarà dunque un’ottima occasione di dialogo – fra pubblico e privato – e confronto per affrontare le scelte giuste sull’innovazione verde.

Fra le varie sessioni del forum di quest’anno ci saranno in particolare:

  • We Change, lo spazio dove università, centri di ricerca, innovatori e start-up possono presentare le loro ideee per il “cambiamento auspicato” che favoriscano il cambiamento culturale e degli stili di vita, per la tutela dell’ambiente e del contrasto ai cambiamenti climatici.
  • We Green, lo spazio in cui le organizzazioni che hanno idee e progetti a contenuti innovativi, ambientali e sociali, potranno far conoscere il “cambiamento praticato” e trasferire le esperienze concrete di green procurement, green economy e transizione ecologica.
  • We Network, lo spazio dedicato all’attività di networking orientata alla sostenibilità, con incontri tematici per promuovere e rafforzare il “cambiamento condiviso”, cioè di scambio di buone pratiche e soluzioni per l’attuazione dei criteri ambientali e sociali nei bandi e nelle politiche di approvvigionamento, nonché per approfondimenti di settore e proposte di nuovi progetti ed iniziative per gli acquisti verdi.

 

Il Programma prevede la presentazione dei dati aggiornati dell’Osservatorio Appalti Verdi, costituito da Legambiente insieme a Ecosistemi, che monitora l’attività della Pubblica Amministrazione sull’applicazione del GPP e l’attuazione dei CAM (Criteri Ambientali Minimi) e della sostenibilità delle filiere produttive delle più importanti imprese italiane.

Al termine, come ogni anno verranno assegnati i Premi alle migliori esperienze italiane di GPP, dando così rilievo ad istituzioni e imprese che si sono distinte nell’ambito delle loro attività: Compraverde;Mensa Verde; Vendor Rating e Acquisti Sostenibili; Cultura in Verde; Edilizia Verde; Social Procurement.

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons