Buon Dantedì a tutti!

Una giornata per celebrare il Sommo Poeta in tutto il mondo. Numerose le iniziative nel giorno in cui gli studiosi fanno iniziare il viaggio di Dante nell’aldilà. Un’edizione speciale quest’anno in cui ricorrono i 700 anni dalla morte dell’Alighieri. La videointervista a Mario Dal Bello.
statua di Dante

Oggi si celebra in tutto il mondo il Dantedì. Che cos’è? Una giornata dedicata a Dante, alla sua opera, alla sua eredità e influenza nella cultura italiana e mondiale. Un evento istituto nel 2020 dal Ministero dei Beni Culturali e che quest’anno avrà un valore unico visto che ricorrono i 700 anni dalla sua morte (14 settembre 1321)

Ricchissimo il calendario delle iniziative dovunque. Passeggiate virtuali nei luoghi simbolo della sua vita – Firenze, Verona, Ravenna-, letture, mostre, tavole rotonde, attività didattiche promosse dalla Accademia della Crusca sulle parole di Dante ancora in uso e nostri modi di dire nati dalla sua penna, maratone televisive di letture della Divina Commedia…anche una celebre marca di gelati gli dedica una “special edition” con 3 diversi gelati che richiamano le tre Cantiche della Divina Commedia. Naturalmente, a causa del Covid 19, tutto sarà online. Numerosi i siti dove trovare informazioni e appuntamenti:  700dantefirenze.it; vivadante.it; dante2021.it.

Anche Città Nuova vuole ricordarlo con una video intervista a Mario Dal Bello che ha pubblicato il racconto “A riveder le stelle. Le molte vite di Dante” nel quale con stile narrativo ripercorre la sua vita, o meglio, le sue vite, ricostruendo, infatti, attraverso le tappe più importanti della sua esistenza, il ritratto di una personalità ricchissima e complessa.

Nell’intervista, la lettura dell’attore Matteo Munari di alcune pagine dalla Divina Commedia e del testo di Mario Dal Bello.

 

Il libro “A riveder le stelle” si può acquistare in libreria, negli store online e sul sito di Città Nuova.

Per acquistare clicca qui.

 

 

 

I più letti della settimana

Dialogando con Tiziana Merletti

Il Cigno nero secondo Luigino Bruni

Si può imparare a litigare?

Simple Share Buttons