Pneumatici italiani con materiali riciclati

Consorzio Ecotyre, una realtà tutta italiana che ogni anno gestisce quasi 44 milioni di kg di PFU, ovvero pneumatici fuori uso

Da gomma a gomma. È questo il nome del nuovo progetto del consorzio Ecotyre che si occupa della gestione degli pneumatici fuori uso.

Una realtà tutta italiana – nel nostro Paese è prima per numero di Soci (quasi 800) – che ogni anno gestisce quasi 44 milioni di kg di PFU, ovvero pneumatici fuori uso. Il consorzio ha contribuito a creare il primo nuovo pneumatico verde, realizzando nuovi pneumatici con, all’interno, un’innovativa miscela formata da gomma triturata di pneumatici fuori uso.

Un chiaro esempio di economia circolare, cioè un sistema economico pensato per potersi rigenerare da solo. I nuovi pneumatici sono stati montati e testati sui mezzi della flotta Ecotyre per effettuare test su strada, utili per verificare consumo battistrada, pressione, stato generale dello pneumatico.

E i risultati sono stati più che positivi: nei 12 mesi da aprile 2018 ad aprile 2019, dopo aver percorso oltre 1.500.000 di chilometri gli pneumatici montati su 20 camion hanno mostrato caratteristiche di durata e resistenza analoghe, e in alcuni casi migliori, a quelli convenzionali.

I camion per i test hanno montato sia gomme tradizionali che i nuovi pneumatici green contenenti gomma riciclata. Gli pneumatici quindi sono stati testati con la stessa parità di carico, asfalto e km percorsi. Inoltre i tir hanno effettuato trasporti alla massima portata utile, quindi in condizioni di grande stress.

Ecotyre si conferma così uno dei principali attori della “Green Economy” italiana. Nel 2018 ha superato l’obiettivo del 100% previsto dalla legge, gestendo un quantitativo di PFU pari al 102,5% rispetto agli pneumatici nuovi immessi sul mercato dagli aderenti al consorzio.

Da nord a sud Italia, si sono registrati incrementi ovunque: in Sardegna, Lombardia, Basilicata, Toscana o in Puglia dove il dato è praticamente raddoppiato. In futuro il Consorzio è intenzionato ad aumentare la percentuale di miscela della gomma riciclata nei nuovi pneumatici e ampliare questo ambizioso progetto in altri autoveicoli. L’obiettivo intanto è quello di equipaggiare 1000 mezzi dei nuovi pneumatici per i prossimi 3 anni.

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons