Home - Indietro

Lasciare la scuola

27-07-2012  di Francesco Châtel
fonte: Città Nuova
«Mi sono stufato di andare a scuola, ma coi miei è guerra aperta perché ancora credono che serva il pezzo di carta che danno a chi finisce gli studi...

«Mi sono stufato di andare a scuola, ma coi miei è guerra aperta perché ancora credono che serva il pezzo di carta che danno a chi finisce gli studi. Eppure si sa che per trovare lavoro non serve a nulla un diploma o la laurea! Per di più stressarmi è inutile perché il mio prof di Italiano mi ripete che non so scrivere e non imparerò».
 Giovanni - Milano
 
Hai ragione, stressarsi non è mai utile. E tuttavia penso che provare a migliorare in qualcosa non debba essere motivo di agitazione, ma di soddisfazione personale. Dobbiamo crederci anche se a volte chi ci è vicino, forse con l’intento di scuoterci, ci dice che non saremo capaci di fare una cosa e riesce a farlo credere anche noi con la conseguenza, anche se in fondo ne soffriamo, di farci tirare i remi in barca.
Eppure alla tua età hai davanti un mare sconfinato e affascinante, hai tanto da scoprire e da donare, e non puoi restare fermo in porto accontentandoti di piccole cose. Se tu lasciassi gli studi perché sei profondamente convinto ‒ e ne hai la reale possibilità ‒ di iniziare un’attività che ti piace e con la quale potrai mantenerti, avrebbe un senso farsi la domanda se continuare gli studi. Ma se tu non continui solo perché sei stufo o perché un professore ti ha detto che non ce la farai, penso che dovresti farti una domanda diversa: non tanto chiederti se lasciare la scuola, ma perché e come superare la difficoltà che ora ti frena.
Forse è vero che non è un pezzo di carta ad assicurarti il futuro, ma il futuro lo cominci a costruire tu stesso non arrendendoti, sognando orizzonti ampi e sconosciuti, avendo fiducia in tutti ma credendo nelle tue possibilità al di là di ciò che altri possono pensare. Sei una persona unica ed irripetibile, creata per amore da un Dio che ti vuole felice e che si aspetta da te cose grandi. Per questo puoi credere in te, al di là dei tuoi limiti e delle tue difficoltà. Se ti guardi intorno, poi, vedrai anche quanti altri credono in te e vogliono crescere con te.  

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

 

di Francesco Châtel